Bike Plan Versilia

 

L’uso della bicicletta in contesti urbani ha chiari vantaggi rispetto ad altre modalità di spostamento. La bicicletta è una forma di mobilità economica, flessibile, e aiuta a creare città più vivibili, riducendo a livello strada sia l’inquinamento acustico che atmosferico. Nelle aree urbane molto trafficate, inoltre, costituisce spesso il modo più rapido di circolare. Per questa ragione occorre considerare questo mezzo come una vera e propria alternativa di trasporto, che richiede il supporto di un’infrastruttura fi!sica e di servizi che ne incentivino l’utilizzo.

La Versilia, con i suoi sette comuni, si presenta come il territorio ideale per l’uso quotidiano della bicicletta quale mezzo di trasporto sia per spostamenti urbani che extraurbani: le distanze tra i principali centri, le zone residenziali, i servizi ed i poli di interesse, le aree produttive sono difatti distanze molto ridotte e tali da potere essere facilmente percorse in bicicletta.

È infatti questo un territorio che si sviluppa come un sistema lineare urbanizzato lungo la costa, generato dai centri storici pedecollinari di Seravezza, Pietrasanta, Camaiore e Massarosa.

L’uso della bicicletta diffuso e nello spirito versiliese, se organizzato in un sistema per la sua mobilità, diventerebbe ordinario per gli spostamenti quotidiani oltre che per il fine settimana e per il tempo libero.

Lo sviluppo della mobilità sostenibile, la “mobilità lenta”, è la sfida delle nostre città per i prossimi anni. Una sfida che richiede anche un cambiamento di visione del problema dello spazio stradale, che non deve essere più visto con l’ottica dell’automobilista che ha fretta, ma con quella del bambino che ha diritto alla sicurezza. Il tradizionale disegno delle nostre strade non risponde a questi criteri di sicurezza, e non è quindi compatibile con le esigenze di maggior vivibilità degli spazi pubblici delle nostre città.

Il cittadino deve poter scegliere mezzi alternativi all’uso della macchina per gli spostamenti che deve fare. Queste alternative però, che sia la bicicletta, il mezzo pubblico o l’andare a piedi, devono rispondere a criteri di sicurezza – sia oggettiva che percepita -, confort, tempi di percorrenza e convenienza, in modo da rendere “la città” più vivibile da parte dei cittadini e più apprezzata dagli ospiti.

La mobilità lenta è parte essenziale della vivibilità sia della città che del suo territorio essendo strettamente legata ai ritmi naturali della vita quotidiana: consente scambi e relazioni tra cittadini; favorisce l’apprezzamento sia delle qualità urbane proprie della città che delle diversificate eccellenze culturali presenti sul territorio.

L’attuale crisi della città e del territorio, sempre più avvertita dai cittadini, richiede un profondo ripensamento della mobilità lenta da effettuarsi soprattutto e innanzitutto a livello sovracomunale dell’intera Versilia: una dimensione territoriale che può garantire efficacia di “sistema” a interventi diversi da effettuarsi in differenti parti del territorio.

Con questi presupposti è nato e si è sviluppato il Versilia Bike Plan, una rete interconnessa e protetta di itinerari ciclabili, che innerva il territorio della Versilia, e lo connette alla rete nazionale e regionale della mobilità ciclabile, favorendo il consolidamento e l’irrobustimento dell’identità della Versilia tramite una diversa percezione delle sue qualità e delle sue potenzialità.

Da: Versilia Bike Plan – Relazione

 


 

DOWNLOAD:

3 pensieri riguardo “Bike Plan Versilia

Lascia un commento se vuoi