Identikit del ciclista urbano viareggino

Identikit del ciclista urbano viareggino

Chi sono i ciclisti urbani? Quali sono le loro abitudini, le difficoltà che incontrano? Che cosa hanno da proporre?

Queste sono le domande che ci siamo posti un anno fa al momento della fondazione di BiciAmici e che ci hanno portato a predisporre un questionario per cercare di fotografare la situazione a Viareggio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Così è nata l’iniziativa dal titolo “A Ruota Libera” pubblicizzata e promossa con il patrocinio del Comune di Viareggio. La ricerca realizzata non ha pretese statistiche perché non è una indagine a campione, ma di certo costituisce una fotografia di un movimento in crescita e da essa possiamo estrapolare alcune interessanti osservazioni. È comunque uno strumento importante per conoscere le esigenze dei ciclisti urbani e programmare gli interventi a favore della mobilità ciclistica.

A RUOTA LIBERA

 

Alla vigilia della Settimana Europea della Mobilità sostenibile (16-22 Settembre) che vedrà FIAB Italia impegnata a premiare e contare i ciclisti urbani su tutto il territorio italiano noi di FIAB Versilia BiciAmici vogliamo pubblicare il nostro personale ritratto del ciclista urbano viareggino.


 QUANTI CICLISTI?

troppi ciclisti

Per farsi un’idea del numero di ciclisti presenti sul territorio Viareggino possiamo ricorrere alla ricerca condotta dalla Regione Toscana dal titolo “La mobilità ciclabile in Toscana, indagine campionaria 2012” (questa sì con valore scientifico) che stima per il Comune di Viareggio un tasso di ciclabilità globale (urbana ed extraurbana) del 53,7% equivalente a circa 30000 utilizzatori di bicicletta.

Per capire meglio abbiamo anche contato le biciclette direttamente su strada rimanendo noi stessi colpiti dal traffico ciclistico cittadino.

Viareggio (tirrenica) ciclabile F. Coppi P.zza Mazzini
11/6/2014
10,22 – 11,00 265 bici;
11,00 – 11,30 170 bici;
11,30 – 12,00 178 bici;
12,00 – 12,30 129 bici;
tot 868 bici; 6,7bici/minuto

Viareggio (centro) ciclo-pedonale Via Fratti – Officina del Caffè
9/5/2014
7,00 – 8,00 110 bici;
8,00 – 9,00 201 bici;
9,00 – 10,00 215 bici;
10,00 – 11,00 209 bici;
tot. 735 bici; 3 bici/minuto


L’IDENTIKITidentikit ciclista urbano

Il ciclista urbano viareggino ha 44 anni ed utilizza quotidianamente la bicicletta per sbrigare commissioni. Compie brevi spostamenti cittadini di circa 5 chilometri e ritiene che le piste ciclabili siano inadeguate. Per questo vorrebbe una rete più estesa che collegasse il centro con le periferie.

Esaminando più dettagliatamente i dati possiamo fare qualche ulteriore considerazione:

  • Circa il 95% degli intervistati risiede a Viareggio. Questo ci fa pensare che debba essere rivista la politica del bike sharing affiancato ai parcheggi scambiatori per favorire l’uso della bici in città anche da parte di chi non vi abita.
  • La maggioranza si definisce utilizzatore abituale (88%) ed il 62% utilizza la bicicletta almeno 4 volte alla settimana. Il 35% addirittura tutti i giorni.
  • L’80% delle distanze coperte giornalmente non supera i 10Km e guardando le dimensioni di Viareggio possiamo stimare che il maggior numero di spostamenti avvenga all’interno dei quartieri o del centro cittadino.
  • Per spostamenti superiori ai 10 Km si ricorre evidentemente all’auto (38,6%) ma ci si muove anche a piedi (32,3%) ed in treno (13,2%).
  • Il 24% degli intervistati crede che l’inadeguatezza delle piste ciclabili sia il principale ostacolo all’uso della bici mentre il 14% lo individua nel traffico automobilistico. In generale l’inquinamento ed il comportamento degli automobilisti non vengono considerati un disincentivo.
  • Abbiamo chiesto che venisse dato un punteggio per  ogni voce di una lista di possibili interventi volti a migliorare la ciclabilità: ampliare rete ciclabile, collegare le periferie, realizzare percorsi protetti per le scuole, installare più rastrelliere per biciclette, attuare politiche di lotta ai furti, istituire la Zona 30 nel centro cittadino, istituire ZTL nel centro cittadino.
    Le voci hanno totalizzato un punteggio medio che va dai 6,52Pt ai 7,15Pt questo ci porta a pensare che tutte siano state ugualmente reputate valide e necessarie.

Il questionario lasciava poi spazio alle proposte prevedendo l’inserimento di suggerimenti per le future politiche sulla mobilità che sono state poi consegnate all’Assessorato competente e che qui riportiamo in una pagina dedicata del sito ringraziando di cuore chi ha contribuito.

Un’ultima considerazione: come succede in tutti i questionari, le informazioni si ricavano non solo da ciò che viene detto ma anche da quello che viene taciuto. Nel nostro caso non sono pervenute proposte dal quartiere Varignano, il quartiere più popoloso ma più isolato, ciclisticamente parlando, dal centro cittadino, confermandoci che il cavalcavia, per pendenza e flusso costante di traffico, rappresenta un forte deterrente all’uso abituale della bicicletta.

Concludendo, se certamente sono molti gli elementi che concorrono a fare delle due ruote un mezzo di trasporto appetibile per economicità, salubrità ed efficienza, di sicuro la creazione di collegamenti protetti rappresenta la condizione fondamentale per la sua diffusione.


I PROFILI

i profili dei ciclisti urbani

In realtà il popolo dei ciclisti è piuttosto variegato, basandoci sui dati e sull’osservazione diretta ci siamo divertiti a compilare una lista di profili dei ciclisti viareggini.

  1. Ciclista veloce: in genere maschio, giovane o di mezza età, in buona forma fisica;
  2. Ciclista lento: maschio o femmina, in genere anziano, talvolta con bici a tre ruote per maggiore stabilità;
  3. Genitore con bambini: maschio o femmina, in genere pedala con prudenza, anche se non è particolarmente lento; se necessario ricorre all’uso del marciapiede per evitare le zone più trafficate.
  4. Cargo-biker: molto raro per il momento a Viareggio, più lento e meno agile degli altri, ha una capacità di carico pari al baule di una utilitaria.
  5. Cicloturista: mediamente veloce e in genere allenato, ha una bici un po’ più ingombrante della media. In molti tratti delle ciclabili di Viareggio due cicloturisti possono incrociarsi con grande difficoltà;
  6. In bici con rimorchio: i “trailer” si stanno diffondendo sia per trasportare i bambini, sia per fare la spesa al supermercato.
  7. Ciclista sportivo: categoria differente dal ciclista urbano, in genere pedala su strada perché le piste ciclabili esistenti sono del tutto inadatte alla sua velocità e alle sue esigenze.
  8.  Ciclista “fissato”: uomini e donne fra i 20 e 30 anni con biciclette appariscenti ed altamente personalizzate a scatto fisso, pedalano piano e con fluidità perché per frenare possono contare soltanto su pedali e gambe.

I NUMERI ED I GRAFICI

Numero questionari: 536

Età media: 44,5 anni

Residenza: Viareggio ~95%

Residenza
A Ruota Libera – Residenza

Sesso: Maschi 57% – Femmine 42%

sesso
A Ruota Libera – Sesso

 

Utilizzo abituale della Bicicletta: SI 88% – NO 11%

utilizzo abituale bicicletta
A Ruota Libera – Utilizzo abituale

Frequenza di utilizzo: tutti i giorni 35%

4-6 volte/settimana 27% ; 2-3 volte/settimana 22% ; 1 volta/settimana 7% ; 1 volta/15 gg 6% ; 1 volta/mese 3%

frequenza utilizzo
A Ruota Libera – Frequenza utilizzo

 

Distanza media percorsa giornalmente: 1-5Km 46%

5-10Km 34% ; 10-20Km 13% ; oltre 20Km 6%

Distanze medie
A Ruota Libera – Distanze medie

Motivi utilizzo della bici: Sbrigare commissioni 34,3%

Svago 33,8% ; Lavoro 20,1% ; Sport 8,8% ; Scuola 3%

Scopo utilizzo
A Ruota Libera – Scopo utilizzo

Altri mezzi  di trasporto utilizzati: Auto 38,6%

Altri mezzi
A Ruota Libera – Altri mezzi utilizzati

Piedi 32,3% ; Treno 13,2% ; Motociclo 11,4% ; Autobus 4,5%

Maggiori ostacoli all’uso: Ciclabili inadeguate 24%

Traffico auto 14% ; Condizione manto stradale 10% ; Paura dei furti 6% ; Velocità veicoli 4% ; Infrazioni Codice della strada 2% ; Nessuno 2% ; Inquinamento 1% ; Altro 1%

maggiori ostacoli
A Ruota Libera – Maggiori ostacoli all’uso della bicicletta

Priorità per migliorare la ciclabilità: Ampliare rete ciclabile e collegare le periferie 7,15 punti

Percorsi protetti scuola 6,97Pt ; Rastrelliere per biciclette 6,96Pt ; Lotta ai furti 6,76Pt ; Zona 30 nel centro cittadino 6,63Pt ; ZTL nel centro 6,52Pt

Priorità intervento
A Ruota Libera – Priorità interventi a favore della ciclabilità

2 pensieri riguardo “Identikit del ciclista urbano viareggino

  1. complimenti agli amici Versiliesi ottima impostazione del questionario (pensiamo) grande fatica nel diffonderlo
    Bravi anche questo è il granello di sabbia che potrebbe grippare l’autocentricità Italiana
    roberto meraviglia
    presidente Canegrate pedala (MI)

Lascia un commento se vuoi