Iniziati i lavori sulla Ciclo-Pedonale di Via Federigi

Iniziati i lavori sulla Ciclo-Pedonale di Via Federigi

Sono iniziati i lavori per la realizzazione del percorso ciclo-pedonale su via Federigi a Querceta. FIAB Versilia è andata a dare un’occhiata.

L’obiettivo del Comune di Seravezza è collegare Querceta (e la stazione del treno) a Forte dei Marmi (e così al mare) con un percorso ciclabile. Ma non solo: la strada un tempo percorsa dai camion che trasportano pesanti blocchi di marmo verrà chiusa al traffico pesante e avrà il limite di velocità fissato a 30Km/h, saranno razionalizzati i parcheggi auto, verranno introdotti nuovi arredi urbani.

Avete notato i ciclisti che percorrono la strada nonostante la sua attuale pericolosità nelle foto di google?

Il percorso ciclopedonale diventa quindi portatore di una riqualificazione di una parte di Querceta che nel tempo si è trasformata da zona di passaggio a vero e proprio quartiere con abitazioni e negozi.

Questa opera, la prima in assoluto per il Comune di Seravezza, ha dovuto affrontare molte opposizioni prima di poter vedere la luce.

Come spesso accade di fronte a queste opere prevale il pregiudizio che Bici e Pedoni tolgano spazio ai parcheggi auto considerati un diritto inalienabile. E per questo motivo, a seguito di numerose modifiche inserite per trovare la mediazione con chi si opponeva, il risultato finale sarà lontano dalla ciclabile perfetta che si sarebbe meritata Querceta.

Un vero peccato.

Lo spazio dedicato a bici e pedoni sarà quindi piuttosto ridotto, fatto che un giorno potrebbe portare conflittualità fra gli utenti. La nota positiva è che la presenza di una ciclopedonale non obbliga il ciclista al suo utilizzo; perciò, in caso di particolare affollamento, si potrà comunque scegliere di usare la carreggiata dove sussiste il limite dei 30 Km/h che, come sappiamo, garantisce una maggiore sicurezza.

FIAB Versilia BiciAmici, è stata coinvolta, in questa fase di realizzazione, per cercare di risolvere, dove possibile, i problemi esistenti e rendere quanto più funzionale e sicura sia possibile questa importante opera.

Lascia un commento se vuoi