Le precisazioni di FIAB a Beppe Nelli espresse dall’Avv. JM

Le precisazioni di FIAB a Beppe Nelli espresse dall’Avv. JM

Spett.le Redazione de La Nazione,
Cronaca di Viareggio

Con riferimento all’articolo in data odierna, a firma del Dott. Beppe Nelli, avente titolo “Invasione di bici contromano” e reperibile al seguente link

(http://www.lanazione.it/viareggio/viabilit%C3%A0-1.1128256 ),

non posso che apprezzare la stigmatizzazione di comportamenti pericolosi tenuti dagli utenti della strada, e quindi pure dai ciclisti.

Anche se, dal tenore dell’articolo, mi pare che il Dott. Nelli non colga la differenza fra essere investito da una bicicletta con massa di 10 kg a 10 km/h ed essere investito da un’auto con massa di 1200 kg a 50 km/h; ma, capisco, non si può essere esperti in tutto.

Sempre in relazione all’articolo, faccio presente che l’affermazione secondo cui i ciclisti “Non dovrebbero viaggiare (…) in area pedonale” è palesemente falsa dal momento che l’art. 3 del Codice della Strada definisce area pedonale la “zona interdetta alla circolazione dei veicoli, salvo quelli in servizio di emergenza, i velocipedi e i veicoli alservizio di persone con limitate o impedite capacita’ motorie, nonché eventuali deroghe per i veicoli ad emissioni zero aventi ingombro e velocità tali da poter essere assimilati ai velocipedi”.

Alla luce di ciò, poiché l’affermazione contenuta nell’articolo in questione è in grado di ingenerare confusione in ordine al rispetto di una norma di legge, si chiede gentilmente di rettificarla.

Con l’occasione si chiede, altresì, all’Articolista di fornire i dati sulla cui base afferma che “i ciclisti al mercato hanno già travolto gente”.

Ricordo poi al Dott. Nelli, per sua cultura personale, che secondo i dati ISTAT, nel 2012, sono stati circa 250 i ciclisti uccisi da mezzi a motore, mentre molte centinaia le vittime di auto e moto fra i pedoni…, mentre 0 è il numero dei pedoni uccisi dai ciclisti. Se il criterio per regolare la circolazione è quello della tutela degli utenti più deboli, sarà forse il caso di vietare la circolazione alle auto su tutto il territorio viareggino?

Da ultimo, poiché il Dott. Nelli suggerisce “la confisca della bici a chi pedala in mezzo ai pedoni”, sono gentilmente a chiedere quale sia la fonte normativa che consente tale misura? Poiché la ignoro, evidentemente per mia colpa, mi piacerebbe essere informato sul punto.

Si resta in attesa di un cortese riscontro.

Con i migliori saluti.

Avv. Jacopo Michi

La bici è il principale mezzo di trasporto del turista
La bici è il principale mezzo di trasporto del turista
Per La Nazione le biciclette dovrebbero finire dietro le sbarre.
Per La Nazione le biciclette dovrebbero finire dietro le sbarre

3 pensieri riguardo “Le precisazioni di FIAB a Beppe Nelli espresse dall’Avv. JM

  1. Purtroppo quando c’è troppo traffico automobilistico s’invocano più strade e più parcheggi. Quando lo spazio scarseggia per le bici c’è chi arriva a chiederne il sequestro.

  2. Buonasera, perchè non lo proponiamo anche qui da noi? Ciclisti che non si nascondono dietro una foglia di fico: tutti nudi contro strapotere auto in Messico(LaPresse)
    Cosi’ risolviamo il problema e saranno contenti alla Nazione tutti in carcere alè! Noi e le nostre bici!!
    Mah senza parole…..

Lascia un commento se vuoi