Viareggio e Bici – Speciale elezioni ’15

Viareggio e Bici – Speciale elezioni ’15

In vista delle elezioni comunali di Viareggio BiciAmici ha cercato di incontrare tutti i candidati a sindaco per discutere di ciclabilità e vivibilità della città con l’obiettivo che questi temi diventassero entrassero in tutti i programmi di governo.

Questo il documento presentato:


UNA POLITICA A FAVORE DELLA CICLABILITA’

VIAREGGIO IN BICI

La città di Viareggio presenta tutte le caratteristiche che  potrebbero renderla a pieno titolo “città della bicicletta”: conformazione pianeggiante ed estensione limitata, clima mite, bellezza paesaggistica indiscutibile, vocazione turistica. Ciò nonostante, le enormi potenzialità di miglioramento della qualità della vita e di crescita economica legate alla promozione di una mobilità sostenibile non sono ancora mai state prese in seria considerazione dalle amministrazioni che si sono succedute in questi anni: basti pensare che tutte le opere di nuova realizzazione o di rifacimento della nostra città (P.za Dante, nuovo ponte girante, cavalcavia del secondo lotto dell’asse di penetrazione) sono nate già “vecchie” nella loro concezione, non prevedendo percorsi ciclabili e, in un caso, neppure pedonali.

Ad oggi, in controtendenza con il massiccio utilizzo della bicicletta da parte della popolazione viareggina (30.000 unità, v. indagine della Regione Toscana 2012 ) le varie amministrazioni non hanno dunque mai considerato la bicicletta come un mezzo di trasporto quotidiano agile e flessibile, in grado di realizzare una percezione della città diversa, più “sociale” e dinamica, più salutare, più economica e non da ultimo capace di dare un nuovo impulso alle attività commerciali esistenti e di crearne di nuove.

Viareggio è una città in dissesto, in dissesto ed in degrado materiale e sociale: noi siamo convinti che creare le condizioni per una mobilità in bicicletta sicura e competitiva con l’automobile, a partire da una visione condivisa e che attinga dalla comunità, rappresenti un formidabile strumento di riscatto per la nostra città.

Queste, in sintesi, le nostre proposte principali in materia di mobilità sostenibile:

GOVERNANCE

Obiettivo: elevare gli indici di spostamento in bicicletta.

  • Istituzione dell’Ufficio comunale Mobilità ciclistica. Esso si occupa dell’attuazione del piano di rete ciclabile comunale con interventi a supporto dell’offerta (infrastrutture ciclabili e moderazione del traffico) e della domanda (ciclo-posteggi, campagne promozionali, servizi, formazione dei tecnici incaricati della progettazione della rete all’interno dei piani attuativi). Il Comune incentiva la necessaria partecipazione delle associazioni dei ciclisti nella redazione e realizzazione degli interventi in materia
  • Impegno a stornare almeno il 20% di tutti i fondi destinati alla viabilità sulla mobilità ciclabile
  • Creazione di percorsi ciclabili sicuri per collegare tra di loro i quartieri periferici con il centro. Particolare attenzione va riservata anche alla realizzazione di un collegamento tra la stazione e il lungomare in un’ ottica di promozione sia dell’intermodalità che del cicloturismo.
  • Predisposizione di stalli adeguati per caratteristiche di sicurezza, numero e ubicazione

ORGANIZZAZIONE MOBILITA’ URBANA

Obiettivo: una pianificazione che tenda verso una città a basso tasso di motorizzazione, così da  restituire dignità allo spazio pubblico e migliorarne l’attrattiva per residenti e visitatori.

  • Introduzione del limite di velocità di 30 chilometri orari in tutto il centro abitato da affiancare, dove possibile o necessario, con interventi strutturali di moderazione del traffico.

EDUCAZIONE

Obiettivo: creare un’autentica e duratura cultura della mobilità sostenibile attraverso l’educazione delle nuove generazioni, nella consapevolezza che l’educazione rappresenta un imprescindibile acceleratore di cambiamento.

  • campagne educative e di sensibilizzazione all’uso della bicicletta in tutte le scuole di ogni ordine e grado
  • la messa in sicurezza dei percorsi stradali casa-scuola/istituti, attraverso:
    • 1) istituzione di ‘strade scolastiche’ (con fasce orarie stabilite)
    • isole pedonali davanti alle scuole/istituti, con la chiusura definitiva al traffico della via
    • installazione posteggi bici interni e antistanti alla scuola/istituto
    • zona 30 e moderazione del traffico intorno alla scuola/istitut
  • l’avvio e la realizzazione di pedibus e bicibus nella scuola primaria da inserirsi nella programmazione e nel POF

COMUNICAZIONE E INCENTIVI

obiettivo: restituire la percezione di una città fatta per le persone e non per le auto; aumentare il numero di fruitori di mobilità sostenibile; modificare la percezione della mobilità ciclistica

  • possibilità per tutti gli esercizi che ne facciano richiesta di predisporre stalli per i clienti
  • promozione di strategie di bikeconomic contro la radicata convinzione che più auto significhino più affari
  • adesione a campagne nazionali e internazionali come il Bike to work day
  • presenza sul sito del Comune di una sezione dedicata alla mobilità dolce

Un pensiero riguardo “Viareggio e Bici – Speciale elezioni ’15

Lascia un commento se vuoi